Le sorelle di Jole Santelli “desiderano che il suo nome non venga utilizzato strumentalmente per tornaconto personale.

Con una nota, diffusa su loro incarico dall'avvocato Sabrina Rondinelli, "le sorelle di  Jole Santelli, Paola e Roberta, sicure di interpretare le sue volontà, desiderano che il suo nome non venga utilizzato strumentalmente per tornaconto elettorale".

 "Jole era una persona libera, che credeva fortemente nel riscatto della Calabria e nella rivoluzione reputazionale della propria terra.

Nel breve periodo in cui ha governato la Calabria, lo ha dimostrato facendo le scelte di governo che le spettavano ispirandosi solo ed esclusivamente al bene della Calabria e dei calabresi.

Sarebbe, a nostro avviso offensivo della memoria di Jole intestarsi arbitrariamente parole come continuità o fare solo annunci e proclami da campagna elettorale.

Al contrario sarebbe felice ed orgogliosa di avere lasciato un segno, laddove il prossimo Presidente ed il governo che seguirà, facesse scelte ispirate al solo bene della Calabria e dei calabresi, immuni da interessi di carattere privato e vari e particolarismi che hanno portato solo danno alla nostra amata terra".