“Il presidio ospedaliero di Lamezia è spoke e non potrà diventare parte di un hub perché per esserlo bisognerebbe cambiare tutta l’organizzazione sanitaria calabrese”. Risponde così il commissario Scura, in visita all’ospedale di Lamezia, ai tanti medici, alle associazioni di categoria e ai sindacati che hanno voluto incontrarlo per tentare di risolvere uno spinoso problema, quello legato al futuro della sanità lametina, che è stato, soprattutto negli ultimi mesi, lungamente dibattuto.

La richiesta congiunta, da parte dell’amministrazione Mascaro, le associazioni e i sindacati di categoria, era quella di integrare l’ospedale lametino all’interno dell’azienda unica tra il Pugliese-Ciaccio e il Mater Domini o di trasferire alcuni reparti a Lamezia. “Trasferire alcuni reparti che sono già funzionanti a Catanzaro è pura follia – chiarisce il commissario Scura – significherebbe spostare anche apparecchiature che costano decine di milioni di euro rivoluzionando l’intero sistema”. Il commissario Scura ha così dichiarato, senza tanti giri di parole, che per l’ospedale lametino si cercherà di fare tutto il possibile ma solo per quanto previsto dal Decreto 9,  che ancora non è stato del tutto attuato. “Entro il 2016 verranno assunti 9 primari – precisa – resterà il centro trasfusionale a 12 ore e si cercherà, nei limiti del possibile di valorizzare tutti gli aspetti di un presidio con 270 posti che ha già le sue eccellenze. Bocciata la proposta del Trauma-center, tutto il resto, sarà di competenza di Catanzaro con il commissario che ha invitato a “mantenere la calma e a non incorrere in inutili campanilismi”.

Un incontro con toni molto accesi quello che si è tenuto oggi, e che ha visto interloquire Scura con il commissario straordinario Perri, il sindaco Mascaro, il personale medico, i rappresentanti del comitato "Salviamo la sanità lametina" e il Tribunale dei diritti del malato. La dottoressa Ciriaco, responsabile del centro Tin, ha chiesto almeno che vengano garantiti i servizi e il personale adeguato per un miglior collegamento tra Lamezia e il polo di Catanzaro. “E’ evidente che in 5 anni l’ospedale di Lamezia ha subito un peggioramento notevole che incute preoccupazione – ha ribadito più volte a muso duro il sindaco Mascaro - non intendiamo essere  ulteriormente saccheggiati”. “Di ciò che è stato fatto prima non posso rispondere – ha concluso il Commissario – ma la mia promessa è quella di mantenere l’ospedale di Lamezia come un ospedale buono ed efficiente, sopperendo a tutte le carenze possibili”. Prima dell’incontro, Scura, affiancato dal commissario Perri e dal Sindaco, ha fatto visita ai vari reparti, tra cui rianimazione, centro trasfusionale, ostetricia e ginecologia, incontrando anche la dottoressa Amalia Bruni, responsabile del Centro di Neurogenetica.