Gioventù Nazione Lamezia Terme per voce del commissario Domenico Mercurio valuta favorevolmente l'inclusione da parte del sindaco Mascaro nelle sue linee programmatiche per il periodo 2015/2020 di uno spazio dedicato al progetto bike-sharing, servizio già in auge in diverse città italiane ed europee e che, secondo Gioventù Nazionale, troverebbe nella città lametina una destinazione ideale: "Urge, difatti, ricordare come nonostante da diverso tempo sia stata ultimata la costruzione di alcuni spazi adibiti a piste ciclabili nella zona antistante il nosocomio cittadino, nonché sul lungomare Falcone -Borsellino, e pur considerando che Via Senatore Perugini, analogamente a quanto da poco accade sul lungomare lametino, è da sempre luogo di ritrovo per chi è interessato a smaltire gli eccessi dell'eccellente cucina locale praticando attività podistiche, allo stato attuale le suddette piste ciclabili risultano perlopiù inutilizzate". Mercurio, allo scopo di valorizzare l'opera esistente assicurando ai cittadini un servizio migliore, propone dunque all'amministrazione comunale la realizzazione di due ciclostazioni da costruire nei luoghi su indicati: "Le ciclostazioni adeguatamente videosorvegliate dovranno essere realizzate in materiali resistenti agli agenti atmosferici ed affiancate da un distributore automatico in grado di erogare, a prezzi competitivi, pettorine ed altri materiali catarifrangenti. Per usufruire del servizio di bike-sharing gratuitamente al cittadino basterà una semplice carta dei servizi rilasciata dal comune (ed alla quale agganciare eventualmente anche altre prestazioni). Ogni carta, univocamente legata ad un utente, garantirà la messa in sicurezza del servizio da eventuali furti ed allo stesso tempo permetterà il realizzarsi di un adeguato sistema di premi ed incentivi (a titolo esemplificativo: sconti o biglietti gratuiti per assistere a manifestazioni sportive e culturali locali) atto a sostenere l'uso della bicicletta da parte della cittadinanza. Rimane ferma la possibilità di individuare eventuali sponsorizzazioni che permetterebbero al comune di offrire un servizio ai cittadini senza interessare le casse comunali". Inoltre il commissario cittadino di Gioventù Nazionale, allo scopo di sensibilizzare anche le fasce sociali più giovani all'utilizzo della bicicletta da tutti gli esperti indicata come il mezzo ecosostenibile per eccellenza, suggerisce all'amministrazione comunale di permettere ai discenti delle scuole elementari la possibilità di proporre il nome del servizio, lasciando invece agli studenti delle scuole di ordine superiore la proposta dei nomi delle due ciclostazioni tramite la previsione di due borse di studio da assegnare agli studenti che meglio descriveranno l'importanza storica per la città della figura alla quale intendono intitolare la ciclostazione. Si verrebbe così a realizzare quella commistione tra sport, cultura e territorio che Gioventù Nazionale intende promuovere, anche attraverso proposte che mirino al rispetto dell'ecosistema ed al miglioramento delle condizioni di vita del cittadino lametino.