"Non ci importa di chi siano le responsabilità, se siano politiche o burocratiche. A noi importa tutelare il diritto di tutti i lavoratori, compresi quelli della Fondazione Calabria Etica. Per questo motivo sono venuto a portare la mia solidarietà". Questo il commento del consigliere comunale di Lamezia Mimmo Gianturco, coordinatore regionale di CasaPound eletto nella lista di Sovranità.
“È inconcepibile che ancora una volta a pagarne le conseguenze delle incompetenze della politica siano i lavoratori. Ad oggi, - continua - per dei progetti avviati nel 2014, a causa del solito scarica barile fra l'organo politico e il commissario facente funzioni,  non sono stati saldati i conti ai collaboratori. Si tratta di 300 persone, fra i progetti "Centri per la famiglia" e "Articolo 34", che nonostante siano trascorsi otto mesi, non sono mai stati pagati mentre a molti altri è stato annullato il contratto".“La mia posizione in merito alle fondazione in house alla Regione Calabria - affonda il coordinatore regionale di CasaPound - è nota da tempo. Sono dei carrozzoni gestiti dai politici utili solo a creare clientelismo. Ma con ciò non ci si può voltare dall'altra parte quando ci sono centinaia di persone che pagano sulla loro pelle i giochetti sporchi della politica"."Inspiegabile il comportamento del Governatore Oliverio e dell'Assessore De Marco, che trovano 6 milioni di Euro per finanziare ancora una volta la Fondazione Calabresi nel Mondo dell'Onorevole Pino Galati, mentre abbandona totalmente le persone contrattualizzate in alcuni importanti progetti sociali. Ci batteremo – conclude Gianturco - per far sì che queste persone, la maggior parte delle quali padri o madri di famiglia che hanno solo questa entrata economica, possano ottenere ciò che gli spetta".