In merito alle dichiarazioni del presidente del consiglio comunale di Lamezia Terme, Francesco De Sarro, in merito alla realizzazione del centro giovanile della multi cultura e di un’area verde attrezzata in località Savutano il settore patrimonio dell’amministrazione provinciale di Catanzaro, guidato dall’architetto Pantalone Narciso, specifica quanto segue.
“In seguito al finanziamento concesso con decreto ministeriale del 9 giugno 2010 è stato approvato il progetto esecutivo relativo ai lavori per la realizzazione del centro giovanile della multi cultura e di un’area verde attrezzata in località Savutano nel Comune di Lamezia Terme,  dell’importo di 500 mila euro, di cui 375 mila per lavori.  Il progetto prevedeva un’area verde attrezzata con skate park e percorsi ciclabili, e la riqualificazione di un edificio storico adibito a centro giovanile della multicultura con funzioni sportive, culturali e ricreative. Il settore Patrimonio si era attivato, come anticipato dal presidente della Provincia Enzo Bruno nel corso di una conferenza stampa tenuta a Lamezia Terme, per la pubblicazione del bando di Gara.

L’ufficio Ragioneria, però,  ha comunicato che l’iter non poteva proseguire perché, con deliberazione di consiglio provinciale n. 65 del 24 settembre 2012, in relazione a predetto progetto, è stata approvata l’acquisizione della superficie con relative permute dei terreni suscettibili di utilizzazione edificatoria. Ciò ha determinato il pagamento da parte della dell’amministrazione provinciale dell’IVA e dell’imposta di registro  sui relativi atti notarili. Questo ha portato ad una riduzione delle somme disponibili, passate da 500.000,00 a 352.216,00 euro,  con conseguente impossibilità ad appaltare i lavori così per come previsto nel progetto esecutivo. Sulla base di quanto sopra si sta procedendo della rimodulazione del quadro economico del progetto esecutivo,  necessaria per fare fronte alle mutate disponibilità economiche. Al termine di tale iter sarà regolarmente pubblicato il bando di gara per la realizzazione dei lavori che saranno eseguiti nel termine fissato di 210 giorni naturali e consecutivi dalla data del verbale di consegna”.