“In questi giorni giunge nelle abitazioni dei lametini - annunciano, in una nota, da Mtl Lamezia - l’ultimo “regalo”  in tema di tassazione, la Tari (nuova tassa sui rifiuti). L’imposta voluta dal governo Renzi e applicata dall’amministrazione Speranza si presenta con una somma decisamente elevata in un periodo di feroce crisi economica. Un‘eredità pesante che l’amministrazione Mascaro si è trovata a gestire senza nessuna possibilità di manovra, anzi appare inspiegabile come la vecchia amministrazione abbia posto in essere la mancata riscossione, prevista nel mese di maggio, di fatto creando un disavanzo per le casse del Comune. Un atteggiamento che dovrà essere spiegato alla cittadinanza dai diretti interessati. E’ bene quindi  rammentare un po’ di chiarezza, il giorno di nascita dell’imposta è il 29 settembre 2014 giorno in cui, in Consiglio Comunale, l’ ex maggioranza di centro sinistra applicava una serie di misure di austerity per far fronte al piano di rientro decennale dei debiti sempre da loro creato e sempre da loro applicato".

"Infatti in quella data - proseguono - fu alzata al massimo tutta la tassazione locale compresa anche la Tari. Ricordiamo che la nuova imposta sui rifiuti poteva anche non essere applicata e che tale gesto estremamente irresponsabile in un periodo di feroce crisi economica è stato segnalato più volte in quella sede e non, dal Consigliere Comunale Massimo Cristiano, che per tale circostanza venne anche espulso anche dall’aula. Seguiamo l’invito dei capi gruppo di Forza Italia e Lamezia Unita e chiediamo nei modi e nei tempi che l’amministrazione comunale riterrà opportuno mettere in campo un’ operazione verità sulla reale situazione finanziaria dell’ ente, un operazione che sicuramente è già stata pensata ma che vista la grande confusione che si sta generando in città si rende necessaria e improcrastinabile. Rammentiamo - concludono da Mtl - pieno sostegno al Sindaco e a tutta la Giunta comunale, che sappiamo sta operando con costante per cercare di mettere ordine nella gestione della macchina comunale”.