Sono 20 le condanne, di cui 3 all'ergastolo, 25 assoluzioni e 2 non luogo a procedere. Questa la sentenza emessa oggi dal gup di Catanzaro, Giuseppe Perri, nei confronti delle 47 persone coinvolte nell'operazione "Perseo" contro la 'ndrangheta di Lamezia Terme e giudicate con rito abbreviato. Assolti i due avvocati Tiziana D'Agosto e Giuseppe Lucchino. Condanne all'ergastolo per Aldo Notarianni, Vincenzo Bonaddio e Pasquale Giampà. Risarcimento di 50mila euro al Comune di Lamezia, 10mila all'associazione antiracket e 1000 euro per il testimone di giustizia Rocco Mangiardi.
Condanne
1.    Aldo Notarianni, difeso dagli avvocati Gambardella e Spinelli, condannato all'ergastolo
2.    Vincenzo Bonaddio, difeso dall'avvocato Francesco Pagliuso,  condannato all'ergastolo
3.    Pasquale Giampà,  difeso dagli avvocati Gambardella e Larussa, condannato all'ergastolo
4.    Domenico Giampà, difeso dagli avvocati Larussa e Spinelli, condannato a 20 anni
5.    Giuseppe Catroppa, difeso dall'avvocato Marco Celia, conndato a 9 anni e 4 mesi
6.    Antonio Ventura, difeso dall'avvocato Pasquale Naccarato, a 7 anni
7.    Pasquale Bentornato, difeso dagli avvocati Larussa e Naccarato, condannato a 7 anni
8.    Francesco Renda, difeso dall'avvocato Pagliuso, condannato a 5 anni
9.    Giorgio Galiano, difeso dagli avvocati Gambardella e Larussa, condannato a 6 anni
10.  Pasquale Catroppa, difeso dall'avvocato Celia, condannato a 3 anni e 4 mesi e 2.800 euro di multa
11.  Antonio Muraca, difeso dagli avvocati Larussa e Spinelli, condannato a 7 anni e due mesi e 8 mila euro di multa
12.  Maurizio Molinaro, difeso dall'avvocato Gambardella, condannato a 20 anni
13.  Alessandro Torcasio, difeso dagli avvocati Spinelli e Villella, condannato a 20 anni
14.  Claudio Paola, difeso dagli avvocati Ferraro e Marasco, condannato a 3 anni e 4 mila euro di multa
15.  Vincenzo Ventura, difeso dall'avvocato Di Meo, condannato a 9 anni
16.  Vincenzo Torcasio, classe '62, difeso dagli avvocati Gambardella e Larussa, a 6 anni e 4 mesi
17.  Luciano Arzente, difeso dall'avvocato Capalbo, condannato a 2 anni e 4 mesi e mille euro di multa
18.  Alessandro Villella, difeso dagli avvocati Cerra e Larussa, condannato a 3 anni e 4 mila euro di multa
19.  Gianluca Giovanni Notarianni, difeso dagli avvocati Spinelli e Viscomi, condannato a 4 annie 2.400 euro di multa
20.  Antonio Giampà, difeso dagli avvocati Rania e Mascaro, condannato a 4 anni e 2.400 euro di multa

Assoluzioni
1.    Tiziana D'Agosto, difeso dagli avvocati Gambardella e Maurizio D'Agosto
2.    Salvatore Ascone, difeso dagli avvocati Sabatino e Staiano
3.    Vincenzo Torcasio, classe '78, difeso dall'avvocato Staiano
4.    Antonio Paradiso, difeso dall'avvocato Antonio Larussa
5.    Emiliano Fozza, difeso dagli avvocati Careri e Gervasi
6.    Domenico Sirianni, difeso dagli avvocati Canzoniere e Villella
7.    Michael Mercuri, difeso dall'avvocato Larussa
8.    Nino Cerra, classe '91, difeso dagli avvocati Canzoneiere e Staiano
9.    Angelo Francesco Paradiso, difeso dall'avvocato Larussa
10.  Luigi Trovato, difeso dagli avvocati Di Renzo e Staiano
11.  Luciano Trovato, difeso dagli avvocati Di Renzo e Staiano
12.  Giuseppe Ammendola, difeso dagli avvocati Mascaro e Spinelli
13.  Gino Strangis, difeso dall'avvocato Spinelli
14.  Pino Strangis, difeso dall'avvocato Spinelli
15.  Giuseppe Lucchino, difeso dagli avvocati Gambardella e Tomaino
16.  Antonio Fragale, difeso dall'avvocato Larussa
17.  Mascaro  Francesco Costantino, difeso dagli avvocati Andricciola e Staiano
18.  Giovanni Cosentino, difeso dagli avvocati Gambardella e De Fazio
19.  Saverio Torcasio, difeso dagli avvocati Canzoniere e Scillia
20.  Carmine Vincenzo Notarianni, difeso dall'avvocato Canzoniere
21.  Alberto Giampà, difeso dagli avvocati Gambardella e Larussa
22.  Saverio Giampà, difeso dall'avvocato Canzoniere
23.  Renato Rotundo, difeso dagli avvocati Andricciola e Staiano
24.  Pasquale Gigliotti, difeso dall'avvocato Spinelli
25.  Davide Orlando, difeso dagli avvocati Canzoniere e Taurino

Non luogo a procedere
1.    Vincenzo Giampà, cl ’68, difeso dagli avvocati Spinelli e Pagliuso
Luigi Mancuso, difeso dagli avvocati Larussa e Mascaro