Nel ballottaggio di domenica prossima, il Movimento 5 Stelle ribadisce che non darà nessuna indicazione di voto ai propri elettori e simpatizzanti, ringraziandoli della fiducia che gli hanno accordato il 31 maggio, lasciandoli liberi di valutare programmi e dichiarazioni dei candidati in autonomia.
“Si concluderà così (almeno per ora) quello che doveva essere un turno elettorale assai importante per Lamezia - annunciano dal Movimento - risultato invece falsato dai numerosi brogli, irregolarità e grossolani errori cui neppure l'Ufficio Elettorale Centrale, che pur li ha rilevati, ha potuto metter riparo. Per questo stiamo valutando la possibilità di intraprendere iniziative nelle sedi penali e amministrative, per la tutela della reale volontà degli elettori. Le altre forze politiche – che hanno riscontrato altrettante irregolarità - avrebbero fatto bene a unirsi alla nostra denuncia per non vedersi poi delegittimati dopo la proclamazione. In ogni caso, il Movimento 5 Stelle e il suo Meetup di Lamezia, continueranno a lavorare, come sempre hanno fatto in questi anni, per la realizzazione di quelle linee programmatiche descritte in campagna elettorale. Linee programmatiche (quelle sulla strategia Rifiuti Zero, ad esempio) che hanno visto l'apprezzamento -pur tardivo- del candidato Sonni che, dichiarando di volerle fare proprie, ha confermato la bontà delle azioni di governo solo da noi proposte in campagna elettorale. Non è un caso che il nostro Movimento, invitato insieme a tutte le altre forze politiche, fosse l’unico presente all’evento con Paul Connett, ideatore della strategia Zero Waste, che si è svolto a Lamezia il 3 maggio scorso. Salutiamo comunque positivamente tale presa di coscienza che la sola nostra presenza in campagna elettorale, ha determinato. In ogni caso, a chiunque, dal governo o dall’opposizione, dichiarerà di voler attuare, e attuerà nei fatti, punti del nostro programma, offriremo il nostro appoggio, il nostro know-how, i nostri tecnici, i nostri esperti, consapevoli che, pur mantenendo distinte le identità politiche d'ognuno, si possa convergere su soluzioni di buon senso che tutelino la collettività e le generazioni future. Ovviamente, chi oggi nelle sue dichiarazioni pre-ballottaggio assume responsabilità programmatiche che coinvolgono temi a noi assai cari, sappia che, da loro più che dagli altri, esigeremo un puntuale rispetto degli impegni, denunciando agli elettori ritardi, omissioni, cambi di rotta così come anche l’eventuale affidamento a persone inesperte e non qualificate (o qualificate solo dalla familiarità partitica, secondo lo stile che ha caratterizzato l’amministrazione Speranza) di progetti che incidono sulla vita dei cittadini. Ma li aspetteremo tutti, maggioranza e opposizione, alla prova dei fatti, mentre da subito avvieremo specifiche autonome azioni per la realizzazione del nostro programma, con modalità alternative che renderemo note nei prossimi giorni, non deflettendo mai dalle attività di verifica e controllo sul rispetto di tutti gli impegni presi durante la campagna elettorale”.