Presentazione delle liste di Mascaro, con particolare riferimento ai giovani candidati, nella sala conferenze del Savant Hotel. Il primo ai microfoni è Salvatore Mascaro, figlio del candidato a Sindaco: '' Questi giovan i- dice - non fanno della politica un mestiere ma uno strumento per il bene comune.'' Negli interventi dei candidati - di forza Italia, mtl, Lamezia e libertà, Ncd, Udc, Paolo Mascaro sindaco,  Lamezia unita - il sogno di rilanciare il territorio, un piano turistico e un assessorato dedicato, la tutela delle imprese, lo sradicamento della cultura mafiosa. Proteste per il lungomare strutturato in modo sbagliato, il parcheggio dell'ospedale ''gestito dai Rom'', il degrado urbano, la trascuratezza delle politiche giovanili, la chiusura della facolta' di agraria. Mascaro conclude elogiando il disinteresse dei giovani e delle loro proposte e depreca i ''lor signori della legalità'' che ''non sanno parlare di contenuti e organizzano eventi per prevenire un nuovo scioglimento del consiglio comunale.'' Fa quindi appello ad Oliverio perché non partecipi alla manifestazione prevista per domani. ''Dal 2 giugno scaccero' tutti i mercanti dal tempio'' annuncia fuori da pretese messianiche, ma con grande enfasi.  E annuncia una contromanifestazione.