Se la politica del fare è un valore, prima ancora che la Calabria e nello specifico Lamezia vada a votare, è bene che ognuno scelga la propria rappresentanza Parlamentare, secondo un criterio meritocratico. Per l'intanto i candidati dell'UDC, a differenza di figure oramai opache e stantie, come possono essere ad esempio: Scilipoti –Rosy Bindi, D'Attorre, tutti provenienti da terre lontane, imposti e catapultate in Calabria, con il cui territorio nulla hanno a che fare, e a favore del quale, nella loro storia, non risulta abbiano profferito parola, così come si verificò con la candidatura di Occhetto nella città di Cosenza, il partito del Presidente Casini e Cesa, può dire che i propri candidati al Senato, quanto alla Camera, hanno il sangue e la storia Calabrese-